progetto "efficace"

Progetto di prevenzione primaria "EFFICACE" per sensibilizzare ai fattori di rischio cardio-cerebrovascolari

PREMESSA

Le malattie cardiocerebrovascolari sono da anni la prima causa di morte e quindi rappresentano un problema di sanità pubblica. Ogni associazione o società scientifica realizza giornate della prevenzione sul territorio, dove quasi sempre si presentano per sottoporsi ai controlli persone già in cura, che effettuano così un controllo supplementare spesso inutile.

Prevenire le malattie cardiocerebrovascolari scoprendole in modo occasionale è l'obiettivo di questo progetto di sensibilizzazione facile da realizzare e proseguire nel tempo, a basso costo, sostenuto dalle istituzioni e dal volontariato, nella speranza che sia anche "efficace". Questo acronimo rappresenta l'elenco dei fattori di rischio cardiovascolare non modificabili e modificabili, oltre che degli stili di vita:

(E) Età
(F) Familiarità
(F) Fumo
(I) Ipertensione arteriosa
(C) Colesterolo (diabete)
(A) Aritmie
(C) Circonferenza vita
(E) Esercizio fisico

Età

Il rischio aumenta per tutti dopo i 50 anni per cui è possibile intercettare queste persone al momento del rinnovo della patente presso gli ambulatori medici dedicati, il cui personale consegnerà la carta del rischio cardiovascolare.

Famigliarità

La familiarità per le malattie cardiovascolari riguarda i figli degli infartuati, contattabili nel momento della fase di ricovero del genitore in UTIC. I cardiologi del reparto consegneranno un pieghevole con le istruzioni per eseguire esami di laboratorio mirati a determinare i fattori di rischio. E' ipotizzabile raggiungere in questo modo almeno 300.000 persone all'anno.

Fumo

Ai fumatori sopra i 40 anni, in visita presso il medico di base o dal cardiologo ambulatoriale, sarà prescritta una radiografia del torace.

Ipertensione arteriosa

L'ipertensione arteriosa può essere valutata casualmente al primo cliente che entra in farmacia al mattino. Considerato che le farmacie in Italia sono circa 18.000, supponendo che siano aperte 300 giorni all'anno, verrebbe misurata la pressione a oltre 5 milioni di italiani ogni anno, numero irraggiungibile da qualsiasi altra operazione di prevenzione.

Colesterolo (glicemia)

Ogni anno, per legge, un milione e seicentomila donatori di sangue vengono sottoposti all'esame del colesterolo e della glicemia. E' questo un esempio lampante di prevenzione "primordiale", cioè di persone altrimenti sane e quindi adatte al prelievo per la donazione.

Aritmie

La fibrillazione atriale, potenziale causa di ictus ischemico, può essere sospettata durante la misurazione della pressione, dagli strumenti automatici delle farmacie, o durante la donazione del sangue.

Circonferenza vita

Una circonferenza vita che supera 102 cm nell'uomo e 88 nella donna è indice di rischio di malattie cardiovascolari. Possiamo sensibilizzare le persone ad effettuare questa valutazione applicando un cartello informativo ai distributori di metri presenti in alcuni ipermercati.

Esercizio fisico

Camminate di gruppo, pedalate, nuotate, esercizi in palestra vengono abitualmente organizzati dalla UISP o società similari, cui è possibile indirizzare le persone dal parte del medico di medicina generale.

riassunto "efficace"

Progetto "EFFICACE" di sensibilizzazione ai fattori di rischio cardiovascolare

FATTORE
DI RISCHIO
CORONARICO
A CHI DOVE OBIETTIVO COSA SI
CONSEGNA
CHI CONSEGNA PARTNER CONTATTI
ANNUALI
PREVISTI
SPESE
ETÀ RINNOVA LA PATENTE TRA I 50 E I 60 ANNI AMBULATORI USL SENSIBILIZZARE AI FATTORI DI RISCHIO CARTA DEL RISCHIO CARDIO VASCOLARE* MEDICO DI SANITÀ PUBBLICA USL STAMPA*
FAMILIARITÀ FIGLI DI INFARTUATI, RICOVERATI IN UTIC UTIC CONSIGLIARE ESAMI DI LABORATORIO PIEGEHEVOLE CON LE ISTRUZIONI CARDIOLOGI* ANMCO SIC 300.000 STAMPA*
FUMO FUMATORI SOPRA I 40 ANNI IN VISITA AMBULATORIO DEL MMG O DEL CARDIOLOGO AMBULATORIALE RICERCA TUMORE DEL POLMONE RICETTA PER RX TORACE MMG O CARDIOLOGO USL, ANCE, ARCA
IPERTENSIONE PRIMO CLIENTE DELLA GIORNATA FARMACIE MISURAZIONE DELLA PRESSIONE RISULTATO FARMACISTA FEDERFARMA 5.000.000
COLESTEROLO (GLICEMIA) DONATORI DI SANGUE CENTRI PRELIEVI DOSAGGIO COLESTEROLO LDL (GLICEMIA) RISULTATO MEDICO DEL CENTRO AVIS, FIDAS 1.600.000
ARITMIE PRIMO CLIENTE DELLA GIORNATA FARMACIE (VEDI IPERTENSIONE) SOSPETTA FIBRILLAZIONE ATRIALE RISULTATO FARMACISTA FEDERFARMA 5.000.000
CIRCONFERENZA VITA CLIENTI OCCASIONALI NEGOZI CHE ESPONGONO METRI MISURAZIONE CIRCONFERENZA VITA METRO (* CARTELLO CON SPIEGAZIONI) NEGOZI STAMPA*
ESERCIZIO FISICO TUTTI PALESTRE O PERCORSI GINNASTICA, CAMMINATE, PEDALATE UISP

carta del rischio

spiegazione carta del rischio

La Carta del rischio indica la probabilità di morire di infarto nei 10 anni successivi se non si modificano i fattori che lo provocano: fumo, ipertensione, colesterolo.
È valida per le persone che non hanno mai avuto malattie di cuore (infarto, angina) o diabete (il diabetico ha di per sé un rischio molto elevato).

Come utilizzare la carta

  1. scegliere la colonna del sesso
  2. scegliere la colonna fumatore o non fumatore
  3. scegliere l'intervallo di età
  4. individuare la riga corrispondente al livello abituale di pressione sistolica
  5. incrociare con la colonna corrispondente al colesterolo totale (mg/dl)
    1. sotto 150
    2. tra 151 e 200
    3. 201 e 250
    4. 251 e 300
    5. oltre 301
  6. il valore ottenuto (compreso tra 1 e 26) indica il livello di rischio
    • da 1 a 4 moderato
    • da 5 a 9 elevato
    • da 10 in su molto elevato

Come ridurre il proprio rischio?

  • Il fumo fa male a prescindere dal numero di sigarette e come si vede smettere di fumare, a qualunque età, riduce il rischio della metà
  • La pressione arteriosa deve rimanere sotto 140/90 e come si vede il rischio si abbassa progressivamente con il calo dei valori della pressione sistolica
  • Per quel che riguarda il colesterolo non si considera più quello totale ma occorre chiedere al proprio medico il valore di quello "cattivo" (LDL) che deve rimanere sotto 115 con rischio moderato, sotto 100 con rischio elevato e sotto 70 con rischio molto elevato. La Carta stabilisce il diritto a ricevere la prescrizione dei farmaci specifici per abbassare il colesterolo LDL (statine)
  • Quando si ha un rischio moderato è anche utile verificarne l'aumento con l'età, fermi restando i valori di pressione e colesterolo, per provvedere per tempo alla loro riduzione

consumo energetico/attività fisica

Consumo energetico di alcune comuni attività fisiche

ATTENZIONE:
questo schema indica approssimativamente l'equivalenza tra il lavoro meccanico ed il consumo energetico, espresso in MET, di alcune attività fisiche o lavorative.
I valori riportati sono stati ricavati da R. Buchberger eseguendo una media tra quelli indicati da vari Autori come L.R. Amundsen, G.L. Canadesi, P.S. Fardy, V. Froelicher, H.K. Hellerstein, A. Rossi, G. Stazzi, N.K. Wenger, P.K. Wilson e devono essere considerati puramente indicativi.
Nella valutazione delle attività si raccomanda di considerare anche la costituzione fisica del soggetto, l'ambiente nel quale viene svolta l'attività (freddo, caldo, umido), le condizioni fisiche e fisiologiche del momento (digestione, convalescenza da malattie extra-cardiache, presenza di altre malattie come il diabete, la terapia farmacologia in corso ecc.), il grado di allenamento e la durata dell'attività.
Lo schema va comunque applicato solo dopo aver consultato il proprio medico o cardiologo.