Le nuove frontiere della cardiologia. Le nanotecnologie

Associazione Amici del Cuore Grassano

Il 16 ottobre 2013 alle ore 18,30 presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Commerciale a Grassano manifestazione sulle nuove frontiere della cardiologia e sulle nanotecologie, l’applicazione in medicina d’importanti sviluppi scientifici d’ingegneria, di biotecnologia e di varie altre discipline. Medicina del futuro? Sì per alcuni aspetti.

Per altri si è già nel futuro, ci sono già delle applicazioni pratiche. Interverranno, il Prof. Stefano Favale, direttore della cardiologia dell’Università agli Studi di Bari, e in video-collegamento da Houston il Prof. Mauro Ferrari, che dirige uno dei più importanti Centri di Ricerca al mondo nell’ambito della ricerca medica e delle nanotecnologie, il Methodist Hospital Research Institute. “Riteniamo importante portare in periferia l’eccellenza della ricerca e della clinica medica, rilevano, la signora Lucia Bolettieri, presidente dell’Associazione Amici del Cuore Grassano e il dr. F. Paolo Calciano, responsabile medico dell’associazione. Abbiamo sempre ritenuto essenziale questa sinergia tra la periferia, il cittadino, l’ammalato e i medici, gli specialisti, i responsabili dei centri di ricerca. Vi è uno sforzo importante che è portato avanti e che va sostenuto da tutti i cittadini. La ricerca medica necessita d’intellegenze, d’impegno, di preparazione, di tempo, d’investimenti notevoli. Occorre stimolare le istituzioni a favorire la ricerca, a stanziare risorse adeguate per la scuola, l’università, la ricerca. Favorire una pratica basata sulla meritocrazia, favorire sinergie e collaborazioni a livello mondiale. Compito dei cittadini e delle associazioni deve essere anche quello di stimolare i decisori politici a intervenire in modo corretto su questi ambiti. Il futuro economico del Paese è anche in relazione alla ricerca e agli investimenti in questi campi”. Auspichiamo una partecipazione da parte dei ragazzi, di coloro che si apprestano quest’anno alla maturità, degli universitari e tutti quelli che solo interessati su questi aspetti. Far presente che è possibile accedere a centri d’eccellenza, l’importante è avere un curriculum formativo e una determinazione forte. “Cari ragazzi, credete in voi stessi, investite in studio e impegno. Mettetevi in gioco. E’ possibile”. Dare un’opportunità ai giovani, investire su di loro significa incidere positivamente sul sistema Paese. Considerazioni in linea con il pensiero di un ragazzo che circa tre mesi fa in seguito a un incidente assurdo è morto a Madrid, Giuseppe Porsia. Un ragazzo impegnato in prima linea con Erasmus, Best, un ragazzo al quale piaceva girare il Mondo, riteneva la solidarietà un valore essenziale, aveva deciso di continuare il suo percorso universitario con la specializzazione in nanotecnologie. Vogliamo iniziare a ricordare Peps, con Valentina, partendo da dove avrebbe voluto iniziare, l’impegno nel futuro, nella ricerca e per lui nelle nanotecologie. Coniugare informazione, ricerca, studio, impegno, determinazione, meritocrazia, termini che appartenevano a questo ragazzo. Termini attuali. Concludiamo con una sua frase: "La realtà è scienza e natura ovvero vita, materia ed energia ed è questo quello in cui credo."  Peps.

Il Presidente Lucia Bolettieri
Il responsabile medico, Dott. F. Paolo Calciano

(scarica il documento)

Letto 1274 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Maggio 2014 17:22